Giovedì 11 giugno 2015 si è tenuto il primo Consiglio degli Studenti (CdS) che ha visto coinvolti i neo rappresentanti degli studenti eletti lo scorso 20 Maggio alle Commissioni Paritetiche, al Senato Accademico e al Consiglio di Amministrazione, e tutti gli eletti nei Consiglio del Corso di Studio e Consigli di Polo Territoriali invitati.

Due i punti principali all’ordine del giorno della seduta: elezioni indirette dei rappresentanti degli studenti, e formulazione di un parere obbligatorio inerente alla nuova tassazione prevista per l’A.A 2015/2016.

Le suddette votazioni, svoltesi tra gli eletti sopra citati membri del CdS, sono state espletate per eleggere le seguenti cariche:

  • Presidente del CdS: Filippo Campiotti rappresentante in Senato Accademico
  • Vicepresidente CdS: Manal Qablaoui, della Commissione Paritetica della Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione, CCS di Ingegneria Aerospaziale
  • Un membro al Nucleo di Valutazione: Arianna Travaglini della Commissione Paritetica della Scuola di Architettura e Società
  • Due membri per il Comitato Unico Sportivo (CUS): Francesco Mottini del CCS in Ingegneria Civile e Ambientale, Mauro Cicalò del CCS in Ingegneria Gestionale
  • Due membri per il Comitato Unico di Garanzia (CUG): Ennio Visconti, del CCS in Ingegneria Informatica, Francesca Travaglini del CCS in Ingegneria Gestionale
  • Due membri come Responsabile Sicurezza sul Lavoro (RSL): Marcello Cadorin, del CCS in Progettazione dell’Architettura, Davide Tassarolla della Commissione Paritetica della Scuola di Ingegneria Civile Ambientale e Territoriale e CCS in Ingegneria Civile

Auguriamo a tutti gli eletti buon lavoro, con uno speciale in bocca al lupo ai ragazzi di SvoltaStudenti eletti: Manal come Vicepresidente del CdS, Francesco al CUS, Ennio al CUG e Marcello al RSL.

Concluse le operazioni di voto (di cui potete leggere risultati e relativa analisi nel precedente comunicato pubblicato sulla pagina FB di SvoltaStudenti), si è trattato delle novità introdotte nel sistema di tassazione per il prossimo Anno Accademico.

Nonostante il range delle dieci fasce rimarrà invariato, l’obbligo di passaggio dall’indicatore ISEEU al nuovo ISEE farà sì che “tendenzialmente l’80% delle famiglie avrà un’indicatore ISEE del 10% più alto rispetto all’ISEEU”; è doveroso osservare come non siano disponibili dati effettivi e questa stima è approssimativamente basata su un ristretto campione di circa 300 famiglie.Come dichiarato dal Capo Servizi dell’area amministrativa di Ateneo, l’eventuale extragettito sarà destinato ad attività e fondi per attività e progetti degli studenti (compreso il Fondo di Merito).

Un’altra novità relativa alla tassazione è la finestra di presentazione della dichiarazione ISEE e la mora per le dichirazioni oltre questa finsetra. Fino all’anno scorso era possibile presentare l’ISEEU da Settembre a Dicembre e da Gennaio a Marzo con pagamento di una mora di 100 euro. Con il passaggio alla dichiarazione ISEE questo non è più tecnicamente possibile. La finestra di presentazione sarà aperta da Gennaio a Marzo, e da Aprile a Maggio la riceve con pagamento di mora. Per quest’ultima inoltre è previsto l’aumento da 100 a 250€ della mora per il ritardo di consegna della dichiarazione ISEE. Anche in questo caso è stata dichiarata l’intenzione di destinare l’eventuale extragettito a risorse per gli studenti.

Il Nostro Parere

Riguardo al passaggio da ISEEU a ISEE, c’è di fatto il rischio che, dato l’ipotetico aumento del 10% dell’indicatore di reddito, alcuni studenti si vedano assegnati ad una fascia di tassazione più elevata rispetto agli scorsi anni.

Preso atto della più che positiva volontà del Politecnico di Milano di destinare l’extragettito a fondi per studenti, proporremo se necessario una rimodulazione delle fascie di contribuzione che determinano l’importo dei contibuti dovuti dagli studenti Polimi, così che verrà corretto il passaggio da ISEEU a ISEE.Inoltre i nostri rappresentanti hanno espresso nella seduta del CdS la volontà di lasciare in sospeso il parere sull’aumento del 150% della mora, con la proposta di una revisione negli organi centrali (Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione), per avere maggiori dettagli al riguardo. Infatti la documentazione inerente la nuova tassazione è stata inviata a noi rappresentanti un solo giorno prima della convocazione del CdS.

Marco Licari (rappresentante nel CdA) ha chiesto l’apposita documentazione per far si che anche gli studenti abbiano le informazioni necessarie a valutare la questione in Senato Accademico e CdA, esprimendo la necessità anche per il Consiglio degli Studenti di ottenere tale documentazione almeno una settimana prima della data di convocazione, in modo tale che tutte le parti abbiano modo di approfondire l’argomento.

Entrando nel merito della questione, ci siamo posti le seguenti domande:

  • Perché si è arrivati ad un aumento così elevato?
  • Il fenomeno del ritardo nella consegna dell’ISEE è in aumento?
  • Il costo amministrativo inerente al ritardo è aumentato?

La finestra di presentazione della dichirazione ISEE è inferiore rispetto a quella ISEEU, quindi una mora così elevata pone l’attenzione sui tempi molto più stretti per evitare troppi ritardi e per dare un colpo di mano ai negligenti.

Ma al contempo non si può analizzare nel suo complesso il fenomeno e quindi un cambio di tendenza rispetto al numero di studenti in mora negli ultimi anni data l’assenza di documentaizone al riguardo.

Si ribadisce come sia inefficace parlare di tali questioni senza datigiustificazioni disponibili a noi studenti e come il discorso sfocerebbe in una distorta discussione dai soli toni ideologici e demagogici: non è di certo questa l’idea di rappresentanza che SvoltaStudenti vuole portare avanti.

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano