Un’altra giornata al Poli. Lezione alle 9:00, male ma poteva andare peggio. Un’intera giornata tra i banchi. Alle fine ero stanchissimo e avevo voglia di sfogarmi. Ho portato la borsa della palestra stamattina, l’ho lasciata nell’armadietto. La prendo e scappo al Centro Sportivo PoliMi Sport. È molto comodo, è vicinissimo all’università. Mostro la tessera, entro, mi cambio velocemente e via ad allenarmi. Ci sono un sacco di scelte, basket, tennis, pallavolo e squash. C’è anche una palestra che costa pochissimo e dei muri da arrampicata. Ah, e poi una pista di atletica tutta nostra. È tutto gestito dall’università e mi ritrovo con molti compagni di corso, ma anche altri studenti mai conosciuti prima. È un bel servizio, non me lo aspettavo, mi fa vivere questo posto in modo molto più leggero. Mentre correvo già sognavo la doccia calda nello spogliatoio e la serie TV del dopo cena. Dovrebbero esserci le piadine in frigo. Perfetto, anche questa giornata è andata.

Molti di noi vorrebbero raccontare la loro giornata in questo modo. La situazione attuale, purtroppo, non lo consente e ancora non possiamo dire che i servizi per lo sport-per-tutti siano quelli auspicabili.

 

LO STATO ATTUALE

Attenzione però, negli ultimi 5 anni la situazione è pian piano cambiata: cerchiamo ora di fare il punto della situazione.

Nell’ormai lontano 2014, Il Politecnico di Milano divenne la prima università pubblica italiana ad aver istituito borse di studio che premino gli studenti sportivi di alto e altissimo livello. Parallelamente, fu istituito il sito web ufficiale dello sport di Ateneo. Siamo relativamente giovani sotto questo punto vista. Se volete sapere di più su cosa cambiò in quegli anni vi invitiamo alla lettura di questi due nostri vecchi articoli del 2014 e del 2015:

https://svoltastudenti.it/it/lattivita-del-comitato-sportivo-nel-biennio-2013-2015/

https://svoltastudenti.it/it/la-seconda-edizione-della-borsa-di-studio-per-meriti-sportivi/

Nell’Anno Accademico 2015/16 abbiamo visto la nascita dei Campionati Polimi, dei tornei di calcio, basket e pallavolo a cui partecipano studenti qualunque, mossi dalla voglia ritrovare quella competizione spesso perduta a causa dello stravolgimento della loro vita dopo l’inizio dell’università. Oggi siamo all’ottava edizione e moltissimi sono entusiasti dell’iniziativa, arricchita di eventi e di un reparto social niente male. Un discorso, questo, che vale anche per i Tornei delle Residenze, un’altra buona idea.

Non finisce qui, il 19 Maggio 2019 ci sarà la quarta edizione della PoliMi Run, la corsa che si candida ad essere una delle maratone più conosciute di Milano! Difficile competere con quelle storiche, ma quattro anni siamo passati da 5mila a 15mila partecipanti, con anche un inciso invernale di corsa campestre. Questa iniziativa ha dato notevoli frutti: dall’aumento del numero di borse di studio per meriti sportivi, all’organizzazione di allenamenti in vista della gara, fino ad attirare investimenti e sponsorizzazioni e creare un clima di festa attorno ad una istituzione che fa della tecnica il suo mezzo e il suo fine. Quello che ha fatto la PoliMi Run al Politecnico è stato (ri)portare le persone a fare sport quotidiano, per se stesse.

Vi sono inoltre dei progetti sperimentali, tra cui il NECSTLab, che includono attività sportive come il NECSTLab CrossFit e Balance Training.

Constatiamo però a livello generale che PoliMi Sport è una realtà ancora troppo lontana dall’idea che lo studente ha della nostra università. Non esiste un’Area specifica, ma vi è un piccolo ufficio. Il Campo Giuriati, impianto dato in completa gestione al Politecnico di Milano (lo sapevi?), ancora non è la casa dello sport che ogni studente vorrebbe. Per non parlare del Campus di Bovisa, dove le strutture sportive sono limitatissime.

E le squadre ufficiali? La mancanza di strutture adeguate e di tornei universitari appetibili ha fatto abbandonare questa strada qualche anno fa con l’idea di rimandare questo tema a tempi più maturi. Forse ci siamo, sarà più chiaro nel corso dell’articolo.

 

LE PROSPETTIVE PER IL PROSSIMO FUTURO

L’autore di queste righe vi testimonia quanto segue: qualcosa si sta muovendo con sempre più energia. È evidente oggi guardando ai Campionati PoliMi, alla PoliMi Run, alle borse di studio per meriti sportivi e ai nuovi allenamenti di running presso il Campo Giuriati. E le strutture? Abbiamo dei Playground sempre più attrezzati e uno sguardo più attento al campo giurati può notare un principio di restyling con due bandiere blue con la scritta “PoliMi Sport” all’ingresso, dei totem informativi brandizzati ed un ufficio interno appena ristrutturato.

Ma è soprattutto la volontà dell’Ateneo che fa ben sperare. Il Rettore Ferruccio Resta non ha mai nascosto la sua volontà di inserire questo tema tra gli asset strategici del suo mandato. Abbiamo un delegato alle attività sportive, il prof. Francesco Calvetti, che è innamorato del suo ruolo e fa di tutto nel tentativo di creare una realtà che ancora fatica ad imporsi. Gli uffici amministrativi, invece, hanno dei dipendenti estremamente motivati e dei capi con una vision molto ampia, primi fra tutti il Dott. Federico Colombo e il Dott. Ivan Ciceri.

Sono solo parole? No. Vi abbiamo fatto notare alcuni segnali ma in ballo c’è una sorpresa. Qualcuno di voi sicuramente avrà notato una zona adiacente al Giuriati con un cantiere bloccato. La mostriamo nell’immagine sottostante, evidenziata sotto su una foto da satellite.

 

IL POTENZIAMENTO DELL’AREA DEL GIURIATI

Nelle aree che vi abbiamo indicato verrà realizzato un potenziamento delle strutture sportive del nostro Ateneo.

Il progetto, cofinanziato in larga parte dal MIUR, risale ad alcuni anni fa ma ora finalmente trova spazio. Il Consiglio di amministrazione in data 29 Gennaio 2019 ha approvato il progetto esecutivo e il relativo quadro economico aggiornato. Si procederà ad avviare i lavori entro fine febbraio in modo da poter disporre dell’edificio già per l’estate.

In particolare, è prevista la costruzione di un edificio di un piano interrato e due fuori terra oltre che di un campo da pallacanestro e pallavolo coperto, idonei al gioco della categoria C silver. Il piano interrato dell’edificio sarà destinato a spogliatoi mentre i due piani fuori terra ad aree fitness e servizi di supporto e deposito. Il progetto contempla anche interventi sull’area esterna, volti a integrare l’edificio rispetto alle funzioni sportive presenti nell’area. Spazio quindi anche a zone di allenamento con attrezzi all’aperto.

Il costo complessivo per la realizzazione dell’intervento è paria € 4.132.615,78 comprensivo di IVA, arredi, manutenzione e somme a disposizione, di cui € 3.141.996,73 saranno coperti dal MIUR.

Questa è una misura volta a realizzare un centro sportivo e un centro servizi idoneo e fruibile da parte della comunità politecnica. Lo sport-per-tutti, quindi, prende concretamente forma nel nostro Ateneo.

 

COSA ABBIAMO DIMENTICATO

Avrete sicuramente notato che nelle righe precedenti non abbiamo mai citato il campus di Bovisa. Questa zona purtroppo al momento non dispone di siti idonei alla realizzazione di strutture sportive e non beneficia di impianti esistenti, come è avvenuto nel caso dell’area Leonardo con il campo Giuriati.

Tuttavia, la vision sul tema è chiara e quindi non sorprende che ci siano già idee in gioco. Nello specifico, vi è l’intenzione di realizzare un efficiente polo sportivo e spazi verdi presso l’area della Goccia, uno spazio in prossimità del Dipartimento di Ingegneria Gestionale, tra il “Boschetto” e l’area ex gasometri.

Se volete maggiori informazioni sui progetti di rivalutazione dell’area di Bovisa vi segnaliamo questi due articoli del blog Urbanlife.

https://blog.urbanfile.org/2018/02/20/milano-bovisa-si-procede-alla-bonifica-della-goccia/

https://blog.urbanfile.org/2018/05/25/milano-bovisa-il-futuro-nella-goccia-piu-verde/

 

E TU VUOI GIOCARE?

Come abbiamo dimostrato la direzione presa da parte del Politecnico guarda a un sistema sportivo universitario estremamente integrato nella vita quotidiana dello studente. Questa è una misura assolutamente necessaria per facilitare i ragazzi e le ragazze che hanno voglia di fare sport tramite strutture a prezzi agevolati e in posizioni strategiche, popolate da persone del loro stesso mondo e che rendono la vita politecnica più gradevole, più produttiva e più salutare. Questo non è un investimento solo su strutture e infrastrutture, ma anche e soprattutto sulle persone, l’investimento più fruttuoso che una istituzione può decidere di compiere.

Come rappresentanti degli studenti di Svoltastudenti vediamo realizzarsi tante richieste che avevano accompagnato la nostra nascita 10 anni fa e siamo pronti a continuare in questa direzione.

E tu a cosa vuoi giocare? Cosa ti piacerebbe trovare nei centri sportivi del Politecnico di Milano?

Oppure, se vorresti far parte di una squadra ufficiale del Politecnico, che al momento non esiste, compila questo form dicendoci cosa ti piacerebbe fare. Quante più saranno le vostre richieste, tanto più alte saranno le probabilità che la squadra che desideri sarà creata!

Non essere timido, ogni idea può essere quella giusta.

https://goo.gl/forms/HNluPR4VBo32vjfh1

Vuoi partecipare ai prossimi campionati Polimi ma non hai una squadra? Compila questo form e ti troviamo noi i tuoi compagni!

https://goo.gl/forms/pv1vhcjmQUGuL9M63?fbclid=IwAR2wXlKBfjFADT-9NY1xRn5ebLRwEK9XuiixjJyd59Ay_orWbuuEhF4C_EA

Carlo Giovani ([email protected])

Alessandro de Iasio ([email protected])

en_GBEnglish (UK)
it_ITItaliano en_GBEnglish (UK)