Loading...

Numerosi studenti provenienti dalla laurea triennale della facoltà di Design degli Interni stanno riscontrando difficoltà nel passaggio alla Laurea Magistrale della facoltà di Architettura Civile, cosa che negli anni precedenti non accadeva.

Quest’anno la difficoltà è dettata da vari fatti primo dei quali la creazione della nuova Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni, che vede l’unione delle scuole di Architettura Civile con le altre scuole di Architettura presenti nell’Ateneo. I regolamenti di questa nuova Scuola sono ancora in fase di studio e risultano quindi al momento non ancora definiti in tutte le loro parti.

Si vuole portare a conoscenza degli studenti di Design degli Interni che hanno quindi ricevuto un diniego alla richiesta di passaggio al corso di magistrale di Architettura i motivi per cui ciò è accaduto.

Le lauree in architettura hanno il riconoscimento europeo che è assegnato sulla base di una serie di esami e minimi tabellari (in termini di CFU) che devono essere rispettati per l'intero percorso triennale+magistrale. Finora la Scuola di Architettura Civile aveva ammesso studenti non della classe di laurea triennale L17 (quella appunto di Architettura Civile) dando dei debiti per sanare questi squilibri. L'albo professionale non ha mai fatto polemiche sul fatto che tali debiti fossero sufficienti o meno.

I laureati in magistrale che stanno lavorando all'estero e che vogliono veder riconosciuto il proprio titolo, fanno richiesta per la dichiarazione di conformità del titolo. Questo passo lo fa il Ministero controllando tutta la carriera. Ad oggi il Ministero ha imposto che tutte le scuole di architettura facciano attenzione ad ammettere studenti di classi di laurea diverse, anche con debiti, in quanto alcuni certificati sono risultati non conformi alla direttiva europea.

Un altro motivo che contribuisce al rifiuto della richiesta di trasferimento è il test nazionale per l'ammissione ad architettura: tutti i laureati in architettura devono aver superato questo test per l'accesso al numero chiuso.

La facoltà di Design fino a qualche anno fa aveva il test di ammissione come quello di Architettura e quindi questo problema era bypassato. Ora non è più così! Questo vale anche per produzione edilizia, ingegneria e pianificazione. Perciò l'ammissione alla magistrale per questi studenti è condizionata al superamento del test nazionale che si tiene per le nuove immatricolazioni.

Inoltre con gli attuali manifesti della Scuola di Architettura, Design avrebbe un monte debiti che rasenta i 70 CFU, troppo elevati per poter essere assolti in un anno di corso (max 60 CFU). 3) con i corsi oggi attivi nel Campus di Milano Bovisa (Scuola di Architettura Civile) è impossibile attingere a 70 CFU a causa dell’esaurimento dei corsi dei primi due anni di triennale e del primo anno di magistrale che sono confluiti a Milano Leonardo nella nuova Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni.

Per quanto riguarda gli studenti che invece sono riusciti ad ottenere il passaggio facendone richiesta a settembre 2015, occorre far notare che a settembre si aveva ancora la possibilità di avere dei corsi di recupero al secondo anno e i corsi del terzo anno di triennale, più gli opzionali, ma da ora in poi come la Scuola di Architettura Civile non esisterà  più, e così le triennali; per assegnare dei debiti bisognerebbe attingere al corso interscuola di Progettazione dell'Architettura (triennale) che non è ancora completo come manifesto.

Fino all’avvenimento della nuova Scuola la situazione rimarrà tale, e considerando i numerosi problemi intervenuti con la modifica delle direttive ministeriali non si può garantire agli studenti che si trovano in questa situazione che il passaggio potrà in un futuro avvenire.